Musica e tradizione: il folk popolare di Bruno Petrachi

C’è stato un cantautore folk salentino che più di ogni altro ha contribuito a idealizzare e consolidare la cultura salentina e i legami tra salentini. Si tratta di Bruno Petrachi, cantante e fisarmonicista folk locale scomparso il 16 maggio del 1997, che durante gli Anni Ottanta ha cantato motivi diventati molto popolari tra la gente.

Chiedete a chiunque viva nel Salento, se conosce canzoni come “Arcu te pratu” e “Mieru mieru” o “Lecce cuore mio”. Vi dirà che le conosce da molto tempo e di tanto in tanto le canticchia tra sé e sé ricordandosi di quando era più giovane o di quando era piccolo.

Non è ben chiaro il motivo per cui, anche dopo la morte, nessuno si sia preso la briga di ricostruire la vita, la storia, le sensazioni e le radici di Bruno Petrachi – quelle che hanno portato a creare le sue canzoni dotate di un folk trascinante e una vena dialettale che contribuivano al buonumore della gente – realizzando finalmente una biografia corale e non frammentaria. Invece, fagocitato forse da una Taranta che ha soffocato tutto il resto, Bruno Petrachi si trova ad essere quasi dimenticato e poco si sa della sua infanzia e della sua vita, delle ispirazioni che hanno portato alla realizzazione dei suoi brani. Rimangono – nel frattempo che questa lacuna sia colmata – le sue canzoni.

“Arcu te pratu” è forse il pezzo più rappresentativo, narrando in modo colorato alcuni costumi leccesi tipici fino a cinquanta anni fa.

Qui di seguito ecco il testo (in dialetto salentino) e il video della canzone:

Arcu te pratu

Inne rre Ferdinandu all’arcu te Pratu
lu sindacu tisse presciatu:
“Maestà, quistu è l’arcu”
e iddhru te bottu respuse “che me ne fotto!”
e de tale momentu
rumase alla storia
sta frase ca cantu cu boria
e ùi puru cantati cu mie stu sturnellu
ca dènta ddaveru chiù bellu

Sìmu leccesi core presciatu
sòna maestru arcu te Pratu

La culonna alla chìazza te sieculi ausata
la òsera a ‘nforza spustata
santu Ronzu perieddhu s’à fattu capace
ca nuddhru aqquai lassanu a ‘mpace
da quei libertini Fanfulla e Peppalu
fujiu Garibaldi a cavallu
e lu Santu ce à ddire “mo’ è miu lu pasticciu
ma basta ca a ‘nterra nu’ spicciu”

Sìmu leccesi core presciatu
sòna maestru arcu te Pratu

La uagnona te mòi, tutta quanta pittata
‘nci tène a nu’ bessere asata
ma lu sforzu lu face, se quarche carusu
àe prima nì stuscia lu musu
pigghiànduci gustu lu scrupulu passa
e ‘ntorna ‘mbrazzare se làssa
e poi rite cuntenta uardandu l’amatu
quandu èsse te facce ‘nquacchiatu.

Sìmu leccesi core presciatu
sòna maestru arcu te Pratu
Sìmu leccesi core presciatu
sòna maestru arcu te Pratu

Chi è Fabio

Appassionato di scrittura e amante del Salento e delle sue mille sfaccettature! Info: Sito | Google+ | Tutti i post scritti

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.