La festa della Madonna della Lizza ad Alezio

E proprio questa tradizione vuole che la Festa della Lizza ad Alezio, in provincia di Lecce, abbia origini molto antiche. Il culto e la devozione si svolgono attorno all’effige della Santa Vergine custodita nella chiesa di Santa Maria della Lizza. Non si conosce la data esatta delle costruzione della chiesa ma l’ipotesi più accreditata, suggerisce varie fasi di edificazione tra la seconda metà del XII e la prima metà del XIII secolo durante le dominazioni normanna e sveva.

La presenza dei resti di un affresco (sicuramente il più antico della chiesa) raffigurante un volto di Madonna, di evidente matrice basiliana accrediterebbe, una retrodatazione di circa due secoli. In seguito all’assedio di Gallipoli (1268-69) da parte di Carlo I d’Angiò, la chiesa aletina fu elevata a sede episcopale e intitolata per l’occasione a Santa Maria de Cruciata e naturalmente a Sant’Agata come la cattedrale di Gallipoli. L’episodio è documentato da una lettera di papa Giovanni XXII che da Avignone esortava Milezio, vescovo di Gallipoli, e tutti i fedeli, a raccogliere fondi per “edificare et reconstruere” la cattedrale ad Alicia (Alezio). La pianta è a croce latina secondo l’antica liturgia cristiana.

Caratteristico è il pronao. Addossato alla facciata ovest (la principale), divide ancora oggi gli studiosi sulla sua esatta datazione. Vi è maggiore concordanza nel riconoscere la sua costruzione successiva a quella della chiesa. Alcuni lo ritengono opera di Carlo d’Angiò e gli attribuiscono funzioni difensive che, peraltro, troverebbero riscontro nell’altissima e massiccia mole. Secondo altri, al contrario, la torre venne elevata dai gallipolini come atto di devozione alla Madonna che aveva protetto la loro città assediata dalle truppe di Carlo.

La piazza antistante il santuario è stata rifatta più volte, l’ultima qualche anno fa e oggi si presenta con una lunga ed ampia scalinata che esalta il frontale col pronao e rende più luminoso e aperto lo spazio, una volta occupato da un parco che ne soffocava la visuale. La Festa della Lizza coincide con la festività della Vergine Assunta, cioè il 15 agosto. Per tale data si preparano i solenni festeggiamenti che culminano con la procesione della statua della Vergine e uno spettacolare fuoco pirotecnico atteso fino all’alba del 16 agosto. I festeggiamenti civili vedono l’allestimento di imponenti luminarie per le vie principali del paese e di centinaia di bancarelle che vendono merce di ogni genere.

Tipico della festa è il mercato degli animali, che si svolge al mattino presto. Recentemente ridimensionato a causa anche dei limiti imposti dalle autorità sanitarie. Una volta si trovava di tutto: dai cavalli agli asini, dalle galline ai canarini. Oggi è massimamente una mostra mercato di animali di piccola taglia e di volatili. Ecco alcuni dei festeggiamenti civili di quest’anno:

GIOVEDI’ 14 agosto Apertura ufficiale della Festa, Piazza V, Emanuele II ore 10.30 – Apertura Corteo Ragazze Fon Pon – Esibizione degli Sbandieratori e musici “Rione Lama” della Città di Cria (Br) – Concerti Bandistici: Città di Aradeo e Cittadella dei Ragazzi S. Caterina di Nardò Eccezionale spettacolo di musica e luci a cura della ditta Mariano tight alle ore 22.00

VENERDI’ 15 Fiera della Lizza, in via Parabita – Apertura all’alba – Matinè Musicale • Piazza Vittorio Emanuele II ore 10.00 Concerti Bandistici: Città di Francavilla Fontana – Città di Conversano “G, Piantoni” e Grande spettacolo Pirotecnico a tarda notte.

SABATO 16  ALTA TENSIONE live concert con Assia Fusaro • Largo Fiera ore 21.30 – AUDIO 2 in concerto in concerto • Largo Fiera ore 22

DOMENICA 17 “Per Filo e per Sogno, sfilata di moda – presenta Bruno Conte e Natascia Castrignanò a cura di Serena Marrocco ed Emilio Cisotta in Largo Fiera alle ore 21,30

Leave a comment

Your email address will not be published.


*