Passeggiata a Cisternino (BR)

Cisternino è un borgo di origine antichissima situato in provincia di Brindisi e sicuramente fu abitato in epoca romana. Tuttavia non esistono resti di abitato precedenti all’VIII secolo e la prima citazione del casato è datata 1180. Il nome deriva proprio dal nome latino “Sturnium”, nel tempo diventato Cisternino.

Il paese è un piccolo gioiello, poco conosciuto dai turisti “di massa”, ma dall’innegabile bellezza e caratterizzazione particolare dell’abitato storico. Il centro storico, infatti, non ha seguito dei piani stabiliti di “strade”, bensì ha perseguito il concetto di “architettura spontanea”, con case molto spesso accavallate una sull’altra, ponti e scalette di collegamento, seguendo la logica del tessuto dei rapporti umani.

Bellissimi i caratteristici vicoletti, caratterizzati da archi, cortili ciechi, scalette e balconi, tutto imbiancato a calce. L’atmosfera è suggestiva quando, durante il pomeriggio estivo, si passeggia lungo i vicoli del centro, lastricati a “chianche”, ammirando i giochi di luce, i sottopassi, gli archi e il bianco abbagliante delle abitazioni a far da contrasto all’azzurro del cielo.

Gli edifici storici di maggior interesse sono senza dubbio la Chiesa della piazza principale assieme alla sua Torre. La Torre è del periodo svevo-normanno, alta 17 metri e costruita nel XI secolo dai Normanni, ricostruita largamente nel XIV secolo e più volte restaurata. La cima ospita una piccola statua di San Nicola, in onore del Santo a cui è dedicata la Chiesa Madre, nata nel XII secolo su una precedente chiesa dell’VIII secolo di cui ad oggi restano le fondamenta. Sono queste ultime la testimonianza più antica della città. La facciata attuale della chiesa risale però al 1848 ed ha sostituito una precedente facciata romanica. All’interno, la volta a crociera e alcune sculture risalgono al XIII-XIV secolo.

Tra i palazzi, da vedere il Palazzo Vescovile (1560) e il Palazzo del Governatore (XVI secolo), caratterizzati da elementi decorativi di stampo rinascimentale.

Un giorno trascorso a Cisternino è senza dubbio dovuto, se non altro per ammirarne le caratteristiche costruzioni del centro storico.

Molti i piatti tradizionali prodotti in loco: friselle, cacio ricotta, olio, vino e salumi. Consigliabile, infine, cenare in uno dei vari ristoranti del posto. Ottimi i piatti a base di carne e buonissimi i primi rinvenibili: uno su tutti, le orecchiette al sugo condite con pecorino o formaggio ricotta.

Chi è Fabio

Appassionato di scrittura e amante del Salento e delle sue mille sfaccettature! Info: Sito | Google+ | Tutti i post scritti

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.