Il centro storico di Otranto: la cattedrale e il castello aragonese

S’odono battiti orientali nel cuore antico di Otranto. Da sempre crocevia fra Est e Ovest, la cittadina reca segni del suo passato in ogni dove.

Addentratevi pure, in quell’intrico di stradine lungo le quali respirerete un’aria per metà esotica e per metà nostrana. Ma mi raccomando, non tenete gli occhi bassi e, anzi, sollevate lo sguardo per ammirare la maestosità della cattedrale che sorge nel punto più alto della località. Sulla sua facciata, si amalgamano gli stili paleocristiano, bizantino e romanico, ma le meraviglie sono appena cominciate.

All’interno, infatti, sono custodite tre perle dell’arte e della storia religiosa. Di sicuro, la prima cosa che vi colpirà sarà l’insolito mosaico pavimentale di duro calcare locale (un pezzo unico nel Mediterraneo) sotto i vostri piedi: passo dopo passo, tessera policroma dopo tessera policroma, ripercorrerete tutto il racconto dell’umanità immerso in uno scenario medievale.


Ma non distraetevi troppo e proseguite fino all’abside destra che espone, protette da una teca di vetro, le ossa degli 800 martiri otrantini che rifiutarono di rinnegare la fede cristiana ai tempi dell’invasione turca nel 1480. Prima di andare via, attenzione, fate un “salto in basso” nella cripta, la chiesetta sotterranea risalente all’anno 1000.

Con una breve passeggiata, poi, vi ritroverete di fronte al monumentale castello aragonese edificato in età rinascimentale. Sono ancora visibili i tre torrioni cilindrici e l’alto fossato intorno, dunque la cornice è quella giusta per ospitare mostre ed eventi culturali in ogni periodo dell’anno.

Ma altri scorci antichi sono custoditi gelosamente fra le mura del centro storico: scopriteli da voi!

Chi è Roberta

Creativa, entusiasta, cerco di dare un'impronta personale a tutto quello che faccio. Perciò, quando scrivo di viaggi nel Salento e Puglia, provo a far venire fuori l'anima di questa terra. Svolgo anche attività giornalistica e di docenza in materie letterarie. Info: Sito | Google+ | Tutti i post scritti

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.