Il faro di Torre San Giovanni

La storia di Torre San Giovanni (marina di Ugento, a 5 km)  è tutta racchiusa nel suo nome e nell’area del porto turistico che fa da location. Non accontentavi, perciò, di leggerla su di una guida turistica, ma fatelo con i vostri occhi.

Secoli e secoli scorreranno sotto il vostro sguardo se osserverete, innanzitutto, quella torre cinquecentesca con la trama a scacchiera, bianca e nera, che custodisce, al suo interno, l’immagine affrescata di San Giovanni. Ora, però, che avete ben chiara l’origine del toponimo, sappiate che c’è ancora tanto da sapere.

Siate curiosi, perciò, e chiedetevi, ad esempio, quale fosse l’antica funzione della struttura e quale sia quella attuale. Fu fatta innalzare, infatti, da Carlo V, per difendere la località dagli attacchi dei Saraceni. Oggi, in un certo senso, ha conservato questo carattere “protettivo”: è sede della Guardia costiera e Faro della Marina militare, dunque baluardo per quei naviganti che, spesso, corrono il rischio d’imbattersi nelle terribili secche (e questo spiega la sua particolare “veste” che la rende visibile a grandi distanze).

Ma la torre è anche un importante spartiacque, nel vero senso della parola, perché sorge su un promontorio che è la linea divisoria ideale tra il litorale roccioso, a nord, e quello sabbioso a sud (entrambi bagnati dalle limpide acque dello Ionio). Da lassù, l’antica struttura d’avvistamento guarda tutti dall’alto in basso: le antiche mura messapiche ai suoi piedi (cornice di numerosi eventi estivi e del presepe natalizio) e quel porto, appunto, dove approdavano le navi romane e si svolgevano fiorenti commerci.

Se pensavate che Torre San Giovanni fosse solo mare e divertimento, beh, ora vi sarete certamente ricreduti.

Chi è Roberta

Creativa, entusiasta, cerco di dare un'impronta personale a tutto quello che faccio. Perciò, quando scrivo di viaggi nel Salento e Puglia, provo a far venire fuori l'anima di questa terra. Svolgo anche attività giornalistica e di docenza in materie letterarie. Info: Sito | Google+ | Tutti i post scritti

Leave a comment

Your email address will not be published.


*